Prurito al cuoio capelluto

Alcune persone hanno l’abitudine di grattarsi la testa mentre riflettono. Altre, continuano a grattarsi la testa quando sono nervose. Altrettante, per un semplice prurito al cuoio capelluto. 

Ma siamo sicuri che, questo semplice prurito al cuoio capelluto, sia davvero innocuo?

Purtroppo, non è detto. Se il prurito in testa persistesse, il malcapitato continuerebbe a grattarsi la testa e potrebbe far male ai capelli

Per evitare complicazioni come bruciore al cuoio capelluto, crosticine in testa, caduta dei capelli oppure falsi allarmismi, bisognerà indagare sulle possibili cause del prurito al cuoio capelluto.

Indice

Le cause del prurito al cuoio capelluto Prurito ai capelli e rimedi

Le cause del prurito al cuoio capelluto

Quando il prurito alla testa fatica ad andarsene, con molta probabilità, c’è di più.

Di seguito, un elenco delle cause di prurito alla testa più comuni:

  • cuoio capelluto irritato e arrossato, per l’utilizzo di prodotti troppo aggressivi oppure per via di una hair routine sbagliata;
  • desquamazione del cuoio capelluto, con possibile caduta dei capelli;
  • forfora, per predisposizione naturale oppure a causa di una hair routine troppo frequente ed aggressiva;
  • dermatite seborroica, patologia che comporta l’eccessiva produzione del sebo e, di conseguenza, un cuoio capelluto grasso ed infiammato;
  • allergie del cuoio capelluto;
  • pitiriasi, infiammazione del cuoio capelluto caratterizzata dalla presenza di una eruzione cutanea di forma circolare;
  • secchezza del cuoio capelluto;
  • micosi del cuoio capelluto, i cui funghi potrebbero innescare la perdita dei capelli;
  • psoriasi del cuoio capelluto, con le sue fastidiose placche che, nonostante sia una malattia autoimmune (quindi, innescata da virus e batteri), non è contagiosa come il virus di herpes e morbillo;
  • follicolite, infezione batterica che minaccia follicoli e bulbi piliferi con conseguente caduta dei capelli;
  • tricodinia, il cosiddetto male ai capelli generato da posizioni ed acconciature innaturali, come capelli legati in maniera eccessivamente stretta e l’utilizzo di caschi o capelli troppo stretti;
  • alopecia da stress, alopecia da trazione ed alopecia psicogena;
  • capelli stressati;
  • pediculosi, i famosi pidocchi.

Dalla maggior parte delle cause del prurito alla testa, potrebbe conseguire la caduta dei capelli. Per tale motivo, è fondamentale intervenire.

Prurito ai capelli e rimedi

In questi casi, il supporto di uno specialista diventa fondamentale. Per tale motivo, quando il prurito persiste bisogna consultare un dermatologo.

Tutto dipende dalla corretta identificazione delle cause del prurito alla testa

Esistono diversi rimedi, più o meno efficaci. 

Nei casi semplici di cuoio capelluto irritato, per sbarazzarsi del prurito alla testa, potrebbe essere sufficiente abbandonare lo shampoo aggressivo e schiumoso a favore di un prodotto più delicato e naturale.

Nei casi di dermatite seborroica, per sconfiggere il prurito del cuoio capelluto, può essere efficace arricchire la propria hair routine con impacchi di camomilla, lavanda ed aloe vera

Per la forfora esistono le famose lozioni antiforfora, più o meno efficaci.

Ma come agire nei casi direttamente collegati alla caduta dei capelli (come follicolite, alopecia oppure micosi del cuoio capelluto)?

Oltre ai soliti farmaci per l’alopecia, allo shampoo al ketokonazolo per la micosi del cuoio capelluto ed alle terapie prescrivibili contro la follicolite, è possibile ricorrere alle tecniche contro la caduta dei capelli.

La calvizie può essere contrastata, ma non del tutto eliminata, con le tecniche di trapianto dei capelli, trapianto follicolare, tecnica fue e metodo fut. Questi ultimi, sono interventi chirurgici che non garantiscono l’invulnerabilità da nuove ondate di caduta dei capelli.

Invece, con la tricopigmentazione dei capelli, stempiatura, diradamento, alopecia e calvizie vengono risolte. In che modo? Il trattamento di micropigmentazione avviene attraverso l’applicazione di pigmenti naturali nel secondo strato dell’epidermide del cuoio capelluto. 

Sono previste tre sedute di trattamento, dopo le quali Tricomedica garantisce il mantenimento dei pigmenti naturali per capelli a tempo indeterminato. In più, il prurito del cuoio capelluto e lo stress dei bulbi piliferi spariranno.

Il primo consulto, con un esperto tricopigmentista del team Tricomedica, servirà a definire la tua hairline e pianificare l’attaccatura dei capelli del tuo trattamento di tricopigmentazione.

Consulta Tricomedica












    e-mailtelefono



    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Post comment